Quali danni possono provocare i toner rigenerati?

Toner e stampanti

tecnico mette in dubbio i toner nella stampanteQuante volte il tecnico ti ha detto che “se usi i toner rigenerati rovini la tua stampante” ? Se credi solo a lui allora non leggere oltre.

Probabilmente sarà capitato anche a te.

Ogni volta che il tecnico mette le mani sulla tua stampante – per qualsiasi motivo, anche una manutenzione ordinaria – ne approfitta per metterti in guardia sull’uso dei toner rigenerati.

Tranquillo. È il vizio che caratterizza tutti i tecnici di questo mondo: fare terrorismo psicologico in merito ai toner rigenerati.

Ormai sono 20 anni che sento la stessa storia, ahimé…

E così succede che il tecnico arriva, si rimbocca le maniche, sistema la stampante, e poi – di default – addita i toner rigenerati come causa principale dei danni provocati alle stampanti.

Tu ti spaventi e decidi di comprare quelli a marchio (“Son più costosi, è vero, ma il tecnico ha detto che vanno bene solo quelli” ) – che guarda caso vende direttamente lui. Ah, non è un caso? Vabbè…

Ti avrà raccontato – molto in dettaglio – episodi di clienti ai quali i toner rigenerati hanno fulminato la stampante, schizzato toner ovunque, rovinato gli ingranaggi, inceppato la carta, usurato i rulli.

E quindi a quei clienti non è rimasto altro da fare che acquistare una nuova stampante.

Ti avrà spiegato che così facendo questi clienti credevano di spendere poco e invece poi si sono ritrovati a sostenere una spesa maggiore.

E quindi ti ha consigliato vivamente di non utilizzare mai i toner rigenerati se non vuoi trovarti nelle stesse condizioni di quei clienti.

È talmente sicuro dei danni provocati dai toner rigenerati che minaccia di ufficio in ufficio di non mettere più mano alle stampanti dove non utilizzano i toner originali (che si scrive “originali”, ma si legge “toner che vende lui”).

Ora, se hai letto fino qui, significa che hai già sentito uscire dalla bocca del tuo tecnico almeno una delle frasi che ti ho riportato poco sopra.

Ma i tecnici hanno sempre ragione…

E se ti dicessi che il tecnico ha ragione?

E se fosse vero che la maggior parte delle volte i danni sono causati proprio dal tipo di toner che viene utilizzato?

Purtroppo è così. È colpa del toner. Tuttavia non sono i toner rigenerati la causa dei leggendari danni “tramandati di tecnico in tecnico”.

I toner che rovinano le stampanti sono i toner ricaricati.

“Vabbè, rigenerati… ricaricati… che differenza c’è?!”

Per esempio una differenza enorme tra la vita o la morte della tua stampante.

Le cartucce ricaricate sono quelle che, una volta finite, vengono riempite di nuovo SENZA che venga sostituito alcun pezzo al loro interno. Non vengono rigenerate, ma solo riempite con del toner (polverina).

Le cartucce rigenerate, al contrario, sono quelle che – a fine ciclo – ricevono un trattamento molto particolare, lontano anni luce dal semplice “riempimento di toner”.

Per “rigenerare” un toner NON  basta ricaricarlo: il processo di rigenerazione prevede la sostituzione integrale di TUTTI i componenti della cartuccia – poiché si consumano durante il ciclo di utilizzo.

Non solo. Prima di tutto le cartucce vengono ripulite dai residui da cima a fondo; poi, dopo aver sostituito le varie parti vengono testate, certificate e garantite per 2 anni.

Ed ora ti spiego esattamente in cosa consiste la garanzia:

  • nel caso dovessi riscontrare un toner difettoso (devi sapere che la percentuale di resi è inferiore al 2%) ti chiedo di avvisarmi subito, spiegandomi il problema. Farò il possibile per vedere di risolverlo sul momento (per escludere che sia un problema di installazione);
  • qualora risulti effettivamente difettoso ti chiederò di riporre il toner nella scatola insieme a delle “prove stampa”; in seguito il toner difettoso verrà ritirato e spedito al fornitore per procedere alla verifica dello stesso (tutto a mie spese, s’intende);
  • non solo: per evitare che tu stia fermo con le stampe – e quindi con il tuo lavoro – ti invierò immediatamente un toner nuovo in sostituzione (sempre a mie spese);
  • in più, per chiederti scusa del disguido creato, avrai diritto ad uno sconto del 30% sul prossimo ordine.

Una volta ultimato il processo di rigenerazione, la cartuccia è di fatto NUOVA e gode delle certificazioni di qualità e sicurezza, oltre alla garanzia di 2 anni.

La rigenerazione è ben lontana dal superficiale “riempila con della polverina”.

“Certo c’è una bella differenza tra i toner rigenerati e quelli ricaricati!”

E’ evidente la differenza enorme tra un tipo e l’altro, sei d’accordo?

I toner “ricaricati” non possono godere di una garanzia perché i pezzi che si usurano non vengono sostituiti ed è normale che poi creano danni come:

– perdita di toner

– macchie sui fogli

– intasamento degli ingranaggi

– usura dei rulli.

È logico che questo tipo di toner danneggi la stampante: viene riempito il serbatoio MA all’interno della cartuccia rimangono i componenti “vecchi”.

Meccanico in officinaÈ come utilizzare un’automobile e dare colpa al meccanico se dopo 5 anni non funziona più – e l’unica cosa che facevi per tenerla in vita era farci benzina. E’ ovvio che ti si danneggia, non basta solo riempire il serbatoio. Serve la sostituzione periodica, per es., delle pastiglie dei freni, il cambio dell’olio, del filtro aria e gasolio, ecc…

Senza farci un minimo di manutenzione ti troverai in mezzo a una strada con il motore ingrippato: meglio evitare, non trovi?

Se invece fai i controlli regolari e sostituisci i pezzi di ricambio che si sono usurati durante l’utilizzo procedi sicuro e tranquillo per la tua strada.

Ora, quando il tecnico dice che ci sono dei toner che tramano alle tue spalle e non vedono l’ora di danneggiare le stampanti… quali sono secondo te? Esatto: i toner falsi (ricaricati).

Il tecnico non può certo sapere se all’interno della stampante il toner è rigenerato o ricaricato, ma questo non  lo giustifica dal fare terrorismo psicologico a prescindere. Lo fa in modo da spaventarti il più possibile, così ti può vendere i suoi toner – quelli con un prezzo esorbitante!

Allora a questo punto potresti chiederti: “Ma io come faccio a sapere se i toner che voglio acquistare sono rigenerati o ricaricati?

E’ normale che ti sorga questo dubbio; tutto sta nella professionalità di chi ti vende i toner. Chiedi al venditore al quale ti rivolgi COME vengono lavorati i toner e di vedere le certificazioni e le garanzie di cui solo i toner rigenerati possono godere.

Perché sicuramente tu non vuoi avere problemi, non vuoi farti stordire il cervello dal rumore degli ingranaggi, non vuoi vedere fuoriuscire nuvoloni di polvere nera dalla tua stampante.

Non vuoi nemmeno guardare il disastro che crea la tua stampante mentre inceppa la carta, sporca i fogli e tutto quello che gli capita lì vicino… e tanto meno vuoi respirare particelle tossiche.

E meno che mai vuoi immaginare che la tua stampante si blocchi proprio quando in sala d’aspetto hai un cliente piuttosto rognoso – ma che ti assicura degli ottimi fatturati – e se lo fai attendere più del dovuto ti molla su due piedi e lo perdi per sempre…

E, non ultimo, non vuoi rischiare di dover acquistare una nuova stampante perché il toner “ricaricato” te l’ha distrutta irreparabilmente.

A te basterebbe lavorare con serenità: l’ultimo dei tuoi problemi deve essere proprio la scelta del toner. Dovresti poter ridurre al minimo questo tipo di spese senza doverti aspettare brutte sorprese. Prenderti solo la parte più buona della torta.

Con i toner rigenerati puoi, perché ti permettono di risparmiare in quanto, come ben sai, hanno un prezzo inferiore rispetto a quelli venduti dalle case produttrici di stampanti.

Quando il prezzo è troppo basso, c’è puzza di toner falsi!

Anche il prezzo può essere un indicatore di quale tipo di toner ti stanno vendendo. Mi spiego meglio: la maggior parte dei toner ricaricati, proprio perché non subiscono alcuna lavorazione – ma solo riempimento – hanno il prezzo più basso in assoluto sul mercato.

A questo proposito mi viene in mente un episodio che mi è successo il mese scorso e te lo voglio raccontare.

Ero nello studio della mia commercialista e, siccome lei era occupata con un altro cliente, nell’attesa ho scambiato due parole con l’impiegata che era intenta a registrare delle fatture.

Ma non volevo portarle via del tempo prezioso e quindi dopo poco sono stata in silenzio lasciandola lavorare. Su di un tavolino al mio fianco c’era un plico di fatture da registrare. La prima in alto ha attirato la mia attenzione, in quanto ho riconosciuto il logo di un’azienda concorrente della zona.

Pensavo di aver visto male. Ma avevo cambiato gli occhiali da vista da due settimane, perciò continuai a sbirciare…

Su quella fattura vi era solo una voce, si trattava di un codice tra i più venduti: un toner che monta su parecchi tipi di stampante (quindi un prodotto di largo uso).

Donna esterefattaEbbene, quel toner, venduto ad un utente finale – come potresti essere tu – aveva un prezzo inferiore, di molto, a quello a cui io lo acquisto dal mio fornitore.

Per questo non potevo credere ai miei occhi!!!

Naturalmente ho cercato di fare l’indifferente e di lì a poco è uscito il cliente e la commercialista mi ha fatto accomodare nel suo studio; ci conosciamo da anni e penso di aver avuto un’espressione parecchio insolita, in quanto mi ha chiesto: “Paola, ma ti senti bene?” e io, ancora frastornata e incredula da quanto avevo visto, le ho risposto velocemente: “ mah devo aver avuto un calo di pressione, sai con questo caldo...”.

Ti assicuro che quel fatto mi ha davvero sconvolta, non riuscivo a pensare ad altro e continuavo a chiedermi come si può lavorare in una maniera così vergognosa.

Ma certo non è come mi sono sentita io che ti può interessare. Ti ho raccontato questo episodio solo per farti capire che – se un toner viene venduto ad un prezzo più basso di quanto è il costo di produzione – come può essere un toner rigenerato? Quali garanzie può avere?  E tu ti fideresti a montarlo sulla tua stampante?

Quindi, tornando a quanto ti dicevo prima riguardo il prezzo come indicatore di qualità e tipo di toner, un toner rigenerato NON può avere il prezzo più basso in assoluto.

Ti conviene prestare molta attenzione a questo trucco: ti aiuterà fin da subito a smascherare i toner falsi (ricaricati) ed evitare di “friggere” le tue stampanti.

Ovvio che se un toner lo devo solo riempire ho un costo minimo di produzione.

Il discorso è diverso quando il toner è rigenerato, perché viene:

– accuratamente smontato;

– ripulito dai residui;

– sostituito nei vari componenti;

– riempito nella giusta quantità e qualità prevista dalle case produttrici di toner nuovi.

Successivamente viene testato e deve superare vari test che possono permettergli le certificazioni di qualità, sicurezza e la garanzia per due anni.

E’ logico che una lavorazione di questo tipo comporta dei costi di gran lunga superiori rispetto al semplice riempimento di un serbatoio e questo spiega la differenza di prezzo finale.

Inoltre devi sapere che i toner compatibili e i toner ricaricati – proprio perché devono avere un prezzo molto basso – il più delle volte vengono riempiti (ma non del tutto), cioè non per quella che è la capacità del serbatoio della cartuccia. E quindi durano una miseria.

Come se non bastasse non solo funzionano da schifo e sfondano le stampanti, ma riescono a sfondarle in tempi record con tutti i danni che creano a causa della mancata sostituzione dei pezzi di ricambio.

Ora va bene voler risparmiare, ma risparmiare per distruggere mi sembra eccessivo. Spendi meno nel comprarli – cosa che da oggi in poi ti suggerisco di non fare più – e ti ritrovi a dover spendere più spesso e più soldi.

E quando la tua stampante vomiterà polvere nera su uno dei documenti più urgenti da far firmare al titolare non potrai nemmeno pensare: “Eh vabbè, lo ristampo”… perché ormai la stampante è rovinata. E’ troppo tardi e non si può più tornare indietro.

In questo articolo ti ho indicato le differenze tra i toner rigenerati e i toner falsi (“ricaricati”).

Dunque, se d’ora in poi non vuoi rischiare di assistere a spettacoli “pirotecnici” nel tuo ufficio — guardando la stampante che schizza toner ovunque e macchia tutto quello che trova nel raggio di un metro (compreso il viso terrorizzato della tua segretaria) – non ti resta che dire addio per sempre ai toner falsi ricaricati.

Ti meriti davvero di lavorare con serenità e senza più problemi.

E finalmente con i toner rigenerati puoi!

E inserendo i tuoi dati nel form qui in basso ti contatterò e ti fornirò altre preziose informazioni per il tuo lavoro.

Spero di conoscerti presto e nel frattempo ti auguro buon lavoro!

 

Paola Occelli

 

 

* Acconsento al trattamento dei miei dati (Leggi la Privacy Policy)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *